Privacy Policy

Borsa Italiana: a metà seduta molto male Piazza Affari. Le amministrative spaventano, Spread su.

Spread the love

Metà seduta da dimenticare per la Borsa Italiana e Piazza Affari. L’inizio è stato davvero da dimenticare: al momento l’indice Ftse Mib sta lasciando sul campo l’1,51% a quota 21.558 punti. La situazione in verità è negativa in tutta Europa per le tensioni commerciali dovute ai dazi voluti da Trump e che potrebbero avere una risposta molto forte da parte della Cina. A Milano, tuttavia, è chiara anche una tensione interna: basta guardare lo Spread fra Btp e Bund che nel corso della mattinata ha nuovamente toccato i 250 punti e attualmente viaggia in area 246 punti base. Un operatore ha commentato che la situazione politica sta contagiando lo Spread: il forte risultato di Salvini alle amministrative, potrebbe indurlo a rompere presto la coalizione di Governo ed andare ad un voto anticipato con i sondaggi che lo vedrebbero in testa, questo sarebbe lo scenario peggiore per i mercati.

In questo contesto non ci sono titoli in verde a Milano fra quelli del paniere principale: il miglior settore è il lusso con Moncler, Luxottica e Ferragamo che veleggiano intorno alla parità. Sul fondo troviamo i titoli bancari: Banco Bpm e Mediobanca perdono entrambe oltre tre punti percentuali. Molto male anche Intesa San Paolo che perde il 2%. Resistono meglio sia Enel che Telecom Italia che stanno cedendo solo lo 0,4% circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *