Privacy Policy

Borsa Italiana: Ftse Mib a metà seduta prova il rimbalzo. Spread rimane alto.

Spread the love

Sessione che è iniziata nel complesso bene per la borsa italiana. Il Ftse Mib ha fatto registrare un apertura in rialzo dello 0,7% per poi spingersi verso il guadagno di un punto percentuale. Si tratta comunque di un rimbalzo marginale per la borsa italiana visto che Milano ieri ha ceduto il 2,5%. Negli ultimi minuti comunque sono prevalse le vendite con il rimbalzo che si è ridimensionato ad un +0,5%. A pesare è ancora una volta il settore bancario che dopo un rimbalzo in avvio è tornato a soffrire. Intesa San Paolo mostra attualmente un ribasso dello 0,5% mentre Unicredit veleggia sulla parità. Ancora sul fondo Banco Bpm che cede oltre un punto percentuale. Stesso discorso vale anche per Mediobanca.

A far meglio in questa sessione sono i titoli industriali e le utility: Enel ha fatto registrare un rialzo dell’1,2% al momento mentre in cina c’è FCA che sta facendo registrare un balzo del 3%, stessa percentuale che aveva ceduto ieri. Molto bene anche ItalGas che sta guadagnando oltre due punti percentuali e Terna che sale dell’1,75%. L’andamento negativo delle banche è dovuto anche allo Spread fra Btp e Bund che rimane elevato vicino ai 260 punti base, in rialzo, con rendimenti che si avvicinano al 2,93%. A pesare ancora le tensioni sul nuovo Governo da parte degli operatori. A pesare anche i dazi di Trump che continuano a mandare in rosso tutte le borse mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *